LEVANTO SURFING

Nessuno sa quante onde si sono infrante in passato sulla costa levantese senza che qualcuno fosse lì a cavalcarle, ma di sicuro quelle che giungeranno in futuro non si infrangeranno invano dato che Levanto è divenuto negli ultimi anni una meta indiscussa del surf da onda nel nord Italia.
Il suo ampio golfo permette la creazione di onde surfabili per lo più quando spirano venti di Libeccio e di Maestrale ma -talvolta- il mare è praticabile anche con di forti venti di Scirocco. La contemporanea presenza di fondali sabbiosi (negli spot del Casinò e della Pietra), misti (Pipetta) e rocciosi (Nadia e Gritta) permette la formazione di onde di diversa misura e qualità, ma la fama di Levanto –considerato da molti un “big wave spot”- è dovuta più che altro alle dimensioni (anche oltre i 3 metri) delle onde che si riescono a fomare in determinate condizioni.
Per questo, ogni volta che a Levanto si sta per abbattere una mareggiata -che sia inverno o estate- si possono osservare sulla passeggiata sopra il mare veri e propri branchi di surfisti che, impazienti, attendono il momento giusto per poter entrare.
Il riconoscimento ufficiale del circuito surfistico non ha tardato ad arrivare: negli ultimi tempi Levanto ha ospitato manifestazioni surfistiche di gran pregio come il “Quicksilver big wave invitational” nel 2000 e nel 2001 ed il “Salomon Blue Games” nel 2005, eventi che hanno definitivamente portato al consolidamento kamagra di una vera e propria cultura del surf in paese.